Giglioli Enrico Hillyer

VIAGGIO INTORNO AL GLOBO DELLA R. PIROCORVETTA ITALIANA MAGENTA NEGLI ANNI 1865-66-67-68. Sotto il comando del Capitano di Fregata V.F. Arminjon. Relazione descrittiva e scientifica, pubblicata sotto gli auspici del Ministero dell’Agricoltura, Industria e Commercio.

No_image

Note Bibliografiche

In-4 p. (mm. 293x215), cartonato editoriale figurato (tracce d’uso, dorso rifatto con applic. parte del dorso orig.), pp. XXXVIII,1931, molto ben illiustrato da: 9 carte geografiche, litografate in tinta e ripieg., incluso il grande “Planisfero-Mercatore, coll’intero tracciato del viaggio della Magenta”; 10 tavole in tinta f.t. (foto e disegni) e 88 xilografie nel t. che eraffigurano per lo più nativi dei vari continenti. Con una introduzione etnologica di P. Mantegazza. In questa importante opera, divisa in XXIV capitoli, sono trattati: “Ragioni del viaggio. Da Napoli a Gibilterra - Da Tenerife a Rio de Janeiro - Il Brasile - Montevideo. La Banda Oriental - Da Montevideo a Batavia - Giava - Singapore. La Malesia inglese - Da Singapore all’Annam. Saigon - La Cocincina francese - Da Saigon al Giappone. Shimoda, Agiro - Yokoama - La nostra missione diplomatica al Giappone. Kanagawa e Kamakura - Yedo. I Giapponesi - La nostra missione diplomatica in Cina. Peking ed il Chih-li - Wusung, Shanghai. Il Kiang-su - Hong Kong, Macao, Canton - Da Hong Kong a Melbourne. Onrust (Giava) - Victoria. Australia - Sydney, New South Wales - Traversata del Pacifico. Il Callao e Lima, Perù - Valparaiso, Santiago. Il Chili - I canali della Patagonia occidentale e lo stretto di Magalhaes - Il ritorno. Da Montevideo a Napoli” “La ragione precipua del viaggio era quella di concludere trattati con la Cina e con il Giappone ma anche la scienza ebbe un suo ruolo (anche se due sole persone furono imbarcate a tale scopo: il compianto Prof. De Filippi e l’A.) ), tanto che si fecero vistose collezioni zoologiche, e la Magenta riportò 5986 spoglie di animali, appartenenti ad oltre 2000 specie, in massima parte di vertebrati, pochissimi insetti e pochi molluschi. Inoltre si fecero discrete raccolta etnografiche, paleontologiche e mineralogiche, nonchè di qualche pianta rara e di altri prodotti vegetali..”, così l’Autore, zoologo ed etnologo italiano Enrico Giglioli (1845-1909), scrive nella Prefazione. Esemplare ben conservato. .

Costi di spedizione

Costi di spedizione per le spedizioni in Italia

  • Corriere Contrassegno: 10
  • Corriere: 6