Altomare Donato Antonio

OMNIA, QUAE HUCUSQUE IN LUCEM PRODIERUNT, OPERA, NUNC PRIMUM IN UNUM COLLECTA...

Thumb_omnia-quae-hucusque-lucem-prodierunt-opera-nunc-primum-a7a55802-81c6-4c8f-bb25-190db2d776fb

Note Bibliografiche

In-4 p. (mm. 314x195), p. pelle bazana settecentesca, dorso a cordoni con tit. oro su tassello, tagli rossi, 16 cc.nn., 1027 (ma 1035) pp.num., marca tipografica al frontesp., ornato da pregevoli testat. e grandi capilett. figurati a vignetta inc. su legno. "Prima edizione dell’opera omnia" che include anche due opere di gastronomia: “De Mannae differentiis, ac viribus de’ que eas dignoscendi via, et ratione” (1562) e “De Vinaceorum facultate, ac usu”. Cfr. Wellcome,I,253 - Durling,181 - De Renzi “Storia della medicina in Italia”,III che cita le numerosiss. opere di questo “celebre professore napoletano”. Lieve alone margin. sulle ultime 50 cc.; con uniformi arrossature più o meno lievi, ma certamente un buon esemplare. "Donato Antonio Altomare, nato a Napoli nei primi decenni del sec. XVI, studiò dapprima diritto e poi si dedicò alla medicina. Seguace della scuola classicistica, che si richiamava cioè alle dottrine di Ippocrate e Galeno, fu insegnante nello Studio di Napoli, dove formò una combattiva schiera di discepoli e sostenne vivaci polemiche soprattutto contro i paracelsiani. A contatto con i migliori ingegni napoletani del suo tempo, dal Tansillo ai Della Porta, l’A. raggiunse tale fama da essere ancora ricordato da T. Boccalini in un elenco di medici famosi di tutti i tempi accanto a Cornelio Celso, Ippocrate, Galeno, Fracastoro. Morì dopo il 1562, forse nel 1566 e fu sepolto a Napoli nella chiesa di S.ta Maria delle Grazie, nella cappella degli Altomare". Così “Diz. Biograf. degli Italiani”, II, p. 568.

Costi di spedizione

Costi di spedizione per le spedizioni in Italia

  • Corriere Contrassegno: 15
  • Posta Contrassegno: 8
  • Corriere: 11
  • Posta: 5