Zambeccari Francesco

DESCRIZIONE DELLA MACCHINA AEROSTATICA DEL CITTADINO FRANCESCO ZAMBECCARI Destinata a tentare il regolamento della medesima per l’Atmosfera.

No_image
  • Anno pubblicazione: 1803
  • Editore: Fratelli Masi e Compagno
  • Soggetti: Storia, Aviazione
  • Luogo di pubblicazione: Bologna
  • Catalogo: Libri Antichi

Note Bibliografiche

In-16 gr. (mm. 190 x 130), bross. muta mod., pp. 32, con 3 tavole, inc. in rame e più volte ripieg., che illustrano la macchina aerostatica in tutte le sue parti: “il globo - la rete - la mongolfiera - la galleria - la lampada - la stadera anemometrica - il dynamometro - i remi - il quadrante a polso”. Francesco Zambeccari, conte bolognese e celebre pioniere dell’aeronautica (1762-1812), tra il 1803 ed il 1812 eseguì numerose ascensioni con un aerostato di sua ideazione che era costituito da due involucri: il superiore, sferico, riempito d’idrogeno; l’inferiore a tronco cono (con base maggiore in alto), pieno di aria riscaldata per mezzo di una lampada a spirito contenuta nella navicella (galleria) a forma di cesta, vincolata ad un cerchio appeso alla rete avvolgente l’involucro superiore. Il 21 settembre 1812 l’aerostato dopo un’ascensione urtò, nella discesa, contro un albero; lo spirito della lampada rovesciatosi appiccò il fuoco alle vesti dello Z. producendogli ustioni mortali”. Così Diz. Treccani,XII, p. 971. Cfr. Boffito, p. 468. Esemplare con barbe, ben conservato.

Costi di spedizione

Costi di spedizione per le spedizioni in Italia

  • Corriere Contrassegno: 10
  • Corriere: 6